Category: Procedura penale

Art. 157, comma 8 bis, cpp: notifica nulla se vi era elezione di domicilio

Il codice di procedura penale all’art. 157 e precisamente al comma 8 bis (comma che è stato inserito ex art. 2, del D.L. 21 febbraio 2005, n. 17, conv. con l. 22 aprile 2005, n. 60.) prevede: “8-bis. Le notificazioni successive sono eseguite, in caso di nomina di difensore di fiducia ai sensi dell’articolo 96, …

Continue reading

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2412

Carcere: celle di almeno 3 mq.

La Seconda sezione Penale della Cassazione ha affermato che, ai fini dell’accertamento della violazione del divieto di trattamenti inumani o degradanti, se lo spazio delle celle è inferiore ai tre metri quadrati esiste una forte presunzione di violazione dell’art. 3 della Convenzione  Edu, vincibile solo attraverso la valutazione dell’esistenza di adeguati fattori compensativi che si …

Continue reading

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2410

La motivazione del tribunale della libertà in caso di accoglimento della domanda cautelare già rigettata dal GIP.

La Sesta sezione della Corte di cassazione ha affermato che il tribunale della libertà, qualora accolga la domanda cautelare riformando in sede di appello ex art. 310 cod. proc. pen. la decisione di rigetto del G.i.p., non è gravato dall’onere della c.d. motivazione rafforzata, in quanto tale onere è configurabile solo in sede di giudizio, …

Continue reading

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2408

L’informazione alla persona offesa in tema di richieste de libertate

E’ stata pubblicata sul sito della Cassazione la Relazione n. 05/17 Roma dell’ 08 febbraio 2017 intitolata “Relazione di orientamento – Omessa notifica alla persona offesa delle richieste de libertate: le prime pronunce della Corte di Cassazione”. La relazione da conto delle pronunce intervenute in tema  di oneri informativi introdotti da recenti interventi normativi a …

Continue reading

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2405

Il dipendente postale è incaricato di pubblico servizio

La Sesta Sezione della Corte di cassazione ha affermato che il dipendente di Poste Italiane S.p.a. che svolga attività di bancoposta afferente alla raccolta di risparmio postale riveste la qualità di persona incaricata di pubblico servizio. È la sentenza  n. 10875 / 2017 (ud. 23/11/2016 – deposito del 06/03/2017) di cui si può leggere la MOTIVAZIONE sul …

Continue reading

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2404

Ricorso per cassazione. L’abnormita’ del numero dei motivi crea genericità del gravame.

La Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione ha affermato che assume carattere di genericità del ricorso per cassazione la sua articolazione in un numero abnorme di motivi (nella specie settantanove) concernenti gli stessi capi d’imputazione e i medesimi punti e questioni oggetto della decisione, così da rendere confusa l’esposizione delle doglianze e difficoltosa l’individuazione …

Continue reading

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2402

Favoreggiamento di immigrazione clandestina.

La Prima Sezione ha affermato, in tema di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, che non è configurabile l’attenuante comune del danno patrimoniale di speciale tenuità in ragione del modesto importo del compenso corrisposto, o promesso, dallo straniero favorito. È la sentenza della Prima Sezione Penale della Cassazione  n. 9636 ud. 13/05/2016 – deposito del 27/02/2017. Qui la MOTIVAZIONE

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2399

Inammissibile l’appello che non contiene motivi specifici.

Le Sezioni unite Penali della Corte di Cassazione hanno affermato il principio secondo cui anche l’appello – al pari del ricorso per cassazione – è inammissibile per difetto di specificità dei motivi, quando non risultano esplicitamente enunciati e argomentati i rilievi critici rispetto alle ragioni di fatto o di diritto poste a fondamento della sentenza …

Continue reading

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2396

Art 131 bis codice penale e rilevabilità d’ufficio.

La Terza Sezione della Corte di cassazione ha affermato che la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto, prevista dall’art. 131-bis cod. pen., è rilevabile d’ufficio in qualsiasi fase e stato del giudizio, salva la eventuale formazione del giudicato, anche implicito, idoneo ad escludere la qualificazione del fatto in termini di particolare tenuità. …

Continue reading

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2394

Prescrizione in Cassazione e pluralità di reati

Le Sezioni Unite della Suprema Corte hanno affermato che, in caso di ricorso cumulativo avverso una sentenza di condanna relativa a più reati ascritti allo stesso imputato, per i quali sia intervenuta la prescrizione dopo la sentenza di appello, attesa l’autonomia dei rapporti processuali inerenti ai singoli capi di imputazione, l’accoglimento di motivi afferenti un …

Continue reading

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2388

Misure cautelari alternative agli arresti domiciliari e loro afflittivita’.

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione, con sentenza n. 6790 pubblicata il 13.02.2017 (udienza del 23.11.2016), ha affermato che, in caso di sostituzione della misura degli arresti domiciliari, ai sensi dell’art. 299, comma 2, cod. proc. pen., è legittima l’applicazione cumulativa dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e dell’obbligo di dimora nel comune …

Continue reading

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2385

Legittime le notifiche via Pec nel processo penale

Con sentenza n. 6320 pubblicata il 10.02.2017 la Seconda Sezione Penale della Corte di Cassazione ha affermato che è legittima la notifica, effettuata ai sensi dell’art. 299, comma 4 bis, cod. proc. pen. inviata tramite posta elettronica certificata dal difensore dell’imputato a quello della persona offesa. La Corte parte dall’esegesi dell’art 16, comma 4, D.L. …

Continue reading

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2381