Condominio: sostituzione di una delibera con altra di pari oggetto.

Con la sentenza n. 8515/2018 leggibile cliccando QUI la Cassazione Civile ha stabilito che si ha sostituzione nel caso in cui la nuova delibera regoli il medesimo oggetto, come è avvenuto nel caso di specie, in termini incompatibili con quelli ipotizzati in precedenza. Infatti, nel caso esaminato dalla Corte con la seconda delibera si ipotizza una proposta contrattuale di locazione e, solo nel caso di rifiuto da parte del condomino destinatario della stessa, l’avvio di una richiesta giudiziale di rilascio della stanza occupata.

Ebbene in caso di sostituzione di una delibera con un’altra la Cassazione ritiene non più impugnabile la prima; la Corte respinge il ricorso teso all’annullamento della prima delibera sulla base della motivazione che l’eventuale annullamento della prima delibera non avrebbe prodotto alcun effetto una volta intervenuta la sostituzione della stessa con altra successiva ed assorbente rispetto a quella impugnata. Una volta che la delibera impugnata viene sostituita con altra avente stesso oggetto cessa la materia del contendere.

Share

Permanent link to this article: http://studiodipietro.it/?p=2935